Polvere Beat sulle strade Americane: Morrison Hotel

Il manager dei Doors Bill Siddons, definì Morrison Hotel “l’album che uccise la band”, eppure in quel tardo inverno del 1970 pareva un disco abbastanza ispirato che ristabiliva il proprio legame con il rock ‘n’ blues, dopo la breve e rivedibile esperienza del precedente The Soft Parade. Per comprendere a pieno Morrison Hotel, occorre ricercare … Leggi tutto Polvere Beat sulle strade Americane: Morrison Hotel

Transizione Blues, Genesi Metal: Black Sabbath

Questo fulmineo esordio stacca oramai il mezzo secolo, evade dallo status di classico e pietra miliare per inserirsi inequivocabilmente nella Storia della Musica. “Storia” come evento passato ed immutabile, non fruibile di critica, monolitico, punto cardine di un genere

The End of the Seventies is the End of the Century: i Ramones e Phil Spector

Chissà cosa passò per la testa di Seymour Stein quando propose Phil Spector come produttore per il quinto album in studio dei Ramones: End of the Century. In retrospettiva, è stato un gioco di specchi opposti, di personalità estreme, di polarità inverse, talmente distanti da non attrarsi mai. Harvey Philip Spector è uno tra i … Leggi tutto The End of the Seventies is the End of the Century: i Ramones e Phil Spector

Come farsi salvare da una canzone: Ambulance Songs

Quante volte una canzone mi ha salvato la vita?              Avrei voluto iniziare così, far diventare quest’appendice un melenso e romantico atto d’amore verso la musica. Invece, ad introdurre la mia Ambulance Song, viene in soccorso un ricordo spiccio, autentico, calato nella parte aneddotica di questo mezzo flusso di coscienza.           Adolescente durante il trapasso del secolo/millennio, … Leggi tutto Come farsi salvare da una canzone: Ambulance Songs

Tracklist & Narrazione: l'architettura di un disco

The Idiot, Marquee Moon, Closer, Pornography, From the Lions Mouth, La Voce del Padrone. Filoni, estrazione e radici differenti, accomunati da qualità e sostanzialità. Album inarrivabili, essenziali, atemporali, privi di sbavature o apnee di ispirazione. L’intensità -più che l’urgenza- era scandita dalla tensione di una scaletta asfissiante, eppure lineare, da ascoltare senza cali di attenzione, complice il formato in vinile che rendeva deleterio qualsiasi tentativo di skip ...

E se fosse The Next Day l’ultimo di David Bowie?

Allora per assurdo, gioco a supporre che davvero The Next Day sia stato pensato come l’ultimo disco di David Bowie. A tal proposito la cover-art sarebbe azzeccatissima, poiché omaggia ed esalta sullo sfondo il passato, salvo poi cancellarlo nel primo piano, rendendolo ironicamente minimale, neutro, anonimo ...

Elegia al primo giradischi: appendere il DJ, salvare il vinile!

Da qualche settimana ho un nuovo inquilino in casa. Poggia il suo bel peso su quattro piedini regolabili, ha un lucente braccio curvo e mi fa apprezzare sempre della buona musica: è un Technics SL 1210 MK2. Un giradischi, dunque. Per molti appassionati è l’antesignano (ed il suo omologo grigio metallizzato Technics SL 1200) nonché … Leggi tutto Elegia al primo giradischi: appendere il DJ, salvare il vinile!

2019, il peggior anno della mia vita: apogeo di una classifica

Confesso di provare molta difficoltà a stilare classifiche musicali, non tanto per la mole di lavoro, né tantomeno per eventuali criteri da utilizzare; la mia difficoltà risiede nel trovare gli elementi per discriminare le posizioni lontane dal podio ...